Utilizzo dei Cookie

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner,
scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformitá alla nostra Cookie Policy.


Ultime visitate

PLATINUM CALCIO SHOW 10 11 2014 4 PARTE
tacchetti e fischietti 2016
VA IN SCENA IL CALCIO A TELELOMBARDIA
GIORGIO E TELELOMBARDIA 1993

ROSATO E ANQUILLETTI

L'Arciposta di Gianni Brera era una rubrica che Giuan Brera teneva settimanalmente sul Guerin Sportivo.
Ecco una selezione delle migliori domande/risposta che ci danno uno splendido spaccato dell'Italia pallonara della seconda metà degli anni 70

rosato e anguilletti

"Talvolta un difensore sballa senza colpe di sorta""

 Carissimo Gianni Brera, ho sedici anni e sono un ammiratore di «Anguilla» Anquilletti e «Baby Face» Rosato, alfieri del Milan mondiale. I miei amici, invece, sostengono che sono solamente due scarponi ignobili.Quindi, chiedo il tuo parere

 

I tuoi amici sono irriverenti e fuori dal vero. Anquilletti non è precisamente uno stilista, bensì un pratico. Si attacca all'avversario, sia esso un'ala o un centravanti, e non lo molla per nessun motivo al mondo. Lo stile è rozzo ma la dedizione è tale che riesce a far sempre la sua brava figura.
Per giudicare i difensori, bisogna sempre tenere onesto conto del lavoro di protezione che davanti a loro svolgono i centrocampisti. 
Talvolta un difensore sballa senza colpe di sorta: il concetto è così ovvio che ho pudore a ripeterlo: ma se i tuoi amici disprezzano Anquilletti, evidentemente non lo tengono presente.
Così lo ribadisco anche a difesa d'uno stopper che ha meritato più volte la maglia azzurra: «Baby face» Rosato.
Il piemontese è afflitto da un valgismo sconfortante: egli tuttavia ha sempre avuto un coraggio superiore a qualsiasi remora di indole estetica: ed ha avuto ragione di tutto e di tutti. Senza quelle ginocchia vaccine, Rosato entrerebbe di diritto fra i migliori prodotti in assoluto della nostra pedata.
Sa battersi con spirito leonino, sa pic­chiare quanto basta, sa piazzarsi meglio di tanti e aver ragione di avversari che, a tutta prima avresti pensato che dovessero travolgerlo.
La sua battuta, poi, è nitida nei due piedi, e qualche volta potente: non a caso egli ha incominciato come mediano di spinta.





Forse potrebbe interessarti anche:

DUINA CONTRO RIVERA
L'Arciposta di Gianni Brera era una rubrica che Giuan Brera teneva settimanalmente sul Guerin Sportivo. Ecco una selezione delle migliori domande/risposte che ci danno uno splendido spaccato dell'Italia pallonara della seconda metà degli anni 70
ALLENATORI CHE VANNO, ALLENATORI CHE VENGONO
Ecco una selezione delle migliori domande/risposta che ci danno uno splendido spaccato dell'Italia pallonara della seconda metà degli anni 70 "Verso Fabbri abbiamo un po' tutti un complesso di colpa: anche noi l'abbiamo aiutato a sbagliare, nel 1966"
DUINA VS RIVERA
l'arciposta era una rubrica che giuan brera teneva settimanalmente sul guerin sportivo qui domande e risposte che fanno rivivere il pallone degli anni 1970

Ultime aggiornate

IMPREVEDIBILITA' CONTRO CONCRETEZZA
Sito ufficiale del conduttore e giornalista sportivo Giorgio Micheletti
ANCELOTTI E IL MILAN DI NUOVO INSIEME?