Utilizzo dei Cookie

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner,
scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformitá alla nostra Cookie Policy.


Ultime visitate

tacchetti e fischietti 2016
PLATINUM CALCIO SHOW 10 11 2014 4 PARTE
VA IN SCENA IL CALCIO A TELELOMBARDIA
GIORGIO E TELELOMBARDIA 1993

 RIVA COME PIOLA, SAVOLDI INESPRESSO

L'Arciposta di Gianni Brera era una rubrica che Giuan Brera teneva settimanalmente sul Guerin Sportivo.
Ecco una selezione delle migliori domande/risposta che ci danno uno splendido spaccato dell'Italia pallonara della seconda metà degli anni 70

"il «rombo di tuono» non è stato coniato per nulla: è sorto dalla mia enfasi perché la sua era degna di botti che soleva esplodere il gran mancino del Cagliari"riva piola e il savoldi inespresso

 

Brera, il calcio è bello perché interpretabile in svariate maniere (compresa anche la tua), ma spiegami un poco quanto successo con Napoli-Cagliari. Dunque: tu idolatri tanto Riva, il suo coraggio leonino, la sua calma con gli avversari, poi in partita ti segna un golletto (carino, ma niente di più) su punizione, il movimento lo fa fare agli altri e la sua calma è solo un ricordo. Zolle e gesti di stizza con spinte non ne sono certamente un avallo efficace.

Poi c'è Savoldi che tu hai sempre (garbatamente, s'intende) preso in giro e mai seriamente considerato. Dicevi che era statico (mentre Riva...), che aveva i piedoni di faggio e le sue ciabattate in gol erano più occasionali che vere e proprie prodezze.
Adesso vien fuori che non solo Savoldi fa gioco per la squadra (piantato là in mezzo, dicevi, e mi vien che ridere), ma mette a segno gol di testa che a Riva riuscivano svariati anni fa. Per la potenza del tiro, se tu Brera sei d'accordo, farei un pareggio.


Vedo che, come molti piemontesi, hai un cognome squisitamente lombardo e me ne compiaccio.
Passo poi ad ammonirti che io ho straveduto per Riva solo quando l'ho capito: e debbo ammettere che questo è avvenuto per me come per Fabbri e gli altri l'anno seguente i Mondiali d'Inghilterra (1966).
Riva è stato un grandissimo attaccante: al punto che da solo ha avallato un modulo detto all'italiana che senza di lui avrebbe perso soltanto in potenza.
A questo proposito, ho avuto grande piacere quando Marione Pennacchia, da me detto «can de triffola», è andato a Barcellona e vi ha intervistato Johan Cruijff.

L'asso olandese è molto intelligente: interrogato sul modulo difensivista, egli ha detto che è valido come tutti gli altri, a patto che disponga per il contropiede di grandissimi giocatori, capaci di ridurre al minimo gli errori, e dunque di approfittare di quasi tutte le rare occasioni offerte dal modulo.
Credo che sia interpretazione perfetta: non altro si poteva dire dell'apporto di Riva alla squadra azzurra: ed è per questo che io posso ancor oggi affermare che uno come lui non sia mai nato nel calcio italiano.
Egli ha esasperato le qualità di Piola che aveva due piedi ma non valeva per lo scatto e neanche per le doti acrobatiche.
Piola si è innestato di forza nel telaio di Pozzo, che era greve e arcigno in difesa ma sacrificava troppo allo stile in prima linea.
Senza Piola, Pozzo non avrebbe rivinto a Parigi.
Del pari, senza «rombo di tuono», Valcareggi non sarebbe andato ai Mondiali 1970 e forse neppure ai Mondiali 74.
Riva ha sempre cavato scottantissime castagne dal fuoco. Adesso ha l'età nella quale per solito i grandi sfondatori dotati di stile arretrano a fare gioco: lui non ci ha mai pensato, pur avendo fatto, all'occorrenza, il difensore e il centrocampista.

Fossi Suarez, senta ben qua, metterei Riva centravanti arretrato e farei stare avanti due giovani capaci di agilità e di slanci coraggiosi. Se non sono male infor­mato, nel Cagliari c'è qualcuno che mugugna per­ché Suarez seguita a pretendere che la squadra imposti per Riva come se non fossero mai passati tanti anni.
Io sono certo che Riva, senza essere un toccatore di fino, farebbe cose utili per le punte giovani e segnerebbe da fuori come non può mai più aspettando la palla in area.
Savoldi mi è sembrato sempre un grande in potenza: ma gli mancava qualcosa per emergere: fosse, chissà? la squadra, forse il piede, che ha buono ma non elegante.
L'ultima stagione al Bologna l'ha vissuta male: e io l'ho visto anche ritrarsi nelle partite esterne.

L'ho definito «piedone di faggio» ma non esito ad ammettere che l'eleganza sia soltanto una componente della classe. Ora Savoldi è dotato di formidabile stacco: e anche questo conta nell'economia del gioco di squadra: riuscire a tener buoni tutti i lanci a spiovere in area avversaria significa arricchire di almeno il doppio gli schemi offensivi.
Ho già letto di Savoldi che nel Napoli riesce a fare il Charles: mi sembra già un apporto molto considerevole: se poi è vero che usa bene anche i piedi per smistare e aprire il gioco, allora Vinicio può essere fiero di avere sfiorato lo scandalo per acquistare tanto centravanti.
Io debbo ancora vedere Savoldi e andrò prima a (Roma, per l'Olanda, e poi a Napoli per il Milan: alla lunga, confido di farmi un'idea completa della sua entità tecnico-agonistica.
Per il momento mi sono limitato ed è già segno di stima a impiegare per lui il titolo di «bergheimer», prima conferito al solo Domenghini.
Smettiamola, dunque, di rimpiangere Riva e confidiamo che Savoldi e Pulici siano suoi degni eredi.
Con una precisazione finale: che il folgorante sinistro di Riva manca più a Savoldi che a Pulici: il «rombo di tuono» non è stato coniato per nulla: è sorto dalla mia enfasi perché la sua era degna di botti che soleva esplodere il gran mancino del Cagliari.





Ultime aggiornate

Sito ufficiale del conduttore e giornalista sportivo Giorgio Micheletti
PLATINUM CALCIO NEWS
ORARI TRASMISSIONI PLATINUM CALCIO 2017