Utilizzo dei Cookie

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner,
scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformitá alla nostra Cookie Policy.


Ultime visitate

Contatti email Giorgio Micheletti
BUON ANNO 2016
tacchetti e fischietti 2016
PLATINUM CALCIO SHOW 10 11 2014 4 PARTE
   12 dicembre 2018

PIOLI COME AL PACINO

Viareggio, domenica 9 dicembre, ore 12.15.
 
In centro incontro un amico che più viola non si può. Gli chiedo: “vai a casa a vedere la partita?” risposta: “nemmeno per sogno, mi hanno talmente disilluso che non ho più la forza di soffrire né allo stadio né davanti alla tv”.
Ieri edizione di Repubblica a firma Benedetto Ferrara: ’la distanza tra il sentimento e il campo sta crescendo’.
Questi due estremi sono quelli che devono a mio parere più preoccupare in vista del derby di domenica. Perché sono elementi che preparano finali a dir poco pirotecnici a seconda di come andrà la partita. Anche se la possibile vittoria non dovrà cancellare le difficoltà tecniche individuali e di squadra. Ma la possibile sconfitta potrebbe invece finire di esacerbare gli animi stressati da questo momentaccio con scene difficilmente ipotizzabili,ma qui bisognerebbe vedere quanta distanza c’è tra ‘sentimento e campo’. 
Una cosa sembra però certa: chi ha chiesto novità, e io sono tra questi, dovrebbe per forza di cose essere accontentato viste le tre squalifiche e le scelte quasi obbligate che Pioli dovrà fare. 
 
Si parla di Noorgard che per bocca dello stesso tecnico era quello che avrebbe potuto restituire al gioco della Viola Veretout a tutto tondo. Si parla di Vlahovic anche se Simeone si è sbloccato, si parla di un centrocampo con più muscoli e meno piedi. Personalmente vorrei vedere per tutta la partita la stessa squadra degli ultimi minuti di Reggio Emilia, mi frega poco il nome di chi gioca. Personalmente vorrei capire che nelle vene dei giocatori c’è sangue e non acqua. 
Personalmente vorrei vedere gente che impersonifica il monologo di Al Pacino in ‘Ogni maledetta domenica’ e che lotta con il compagno e per il compagno a difesa e conquista di un centimetro. 
Perché così si costruiscono vittorie, gruppo, squadra, perché così si azzerano le distanze tra sentimento e campo, perché così si riconquistano i tifosi.
Speriamo…




Forse potrebbe interessarti anche:

INTER E LA SUPERBIA GATTUSO LAMENTELE INUTILI
A questi livelli, una partita in più o una in meno, nel breve incide poco. Sono considerazioni datate, così come fare lamentele sull'orario come ha fatto Gattuso domenica. È mettere le mani avanti, perchè dal punto di vista fisico non conta".
UNA PRESA DI COSCIENZA
Buon ritrovati a voi, io direi che in tutto questo spezzatino, il bocconcino che può risultare meno indigesto e forse più succoso e Napoli Fiorentina. Tutto ciò che riguarda la Yuve prima della coppa è la spasmonica ricerca del gol di cristiano ronaldo
SCOPRI PERSONE PRIMA CHE PERSONAGGI
Totti racconta in quest'intervista sul Venerdi di Repubblica, che nei primi quattro mesi di Cassano a Roma, Cassano era a casa Totti, ad un certo punto sparisce quest'assegno dello stipendio di Cassano che è convinto che la domestica di casa Totti l'abbia rubato. finisce che..

Ultime aggiornate

A TUTTO GOL NUOVA GRANDE TRASMISSIONE TOSCANA TV
Sito ufficiale del conduttore e giornalista sportivo Giorgio Micheletti
A TUTTO GOL NUOVA GRANDE PRODUZIONE DI TOSCANA TV