Utilizzo dei Cookie

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner,
scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformitá alla nostra Cookie Policy.


Ultime visitate

GIORGIO MICHELETTI: IL CALCIOMERCATO DEI GIORNALISTI
IL BRUTTO E IL BELLO DELLE COPPE 2015
ALLENATORI CHE VANNO, ALLENATORI CHE VENGONO
TITOLI DI CODA

COPPA ITALIA
LA SQUADRA CONTINUA LA MARCIA A PUNTEGGIO PIENO
1 settembre 1986

Barletta Milan 0 3

Marcatori: Baresi (M) al 15' e al 40', Galderisi (M) al 62' 

BARLETTA: Renzi, Cazzani, Marino, Ghedin, Petruzzelli, Incarbona, Paolillo, Laraspata, Petrucci, Doto, Borrelli.All.Fogli

MILAN: Galli, Tassotti, Maldini, Baresi, Di Bartolomei, Galli, Evani, Wilkins, Hateley, Donadoni, Galderisi. All.Liedholm.

ARBITRO: Lanese di Messina

Sostituzioni: Barletta dal 46' Sgherri per Doto. Milan dal 46' Manzo per Evani, dal 66' Virdis per Hateley.
Note: Spettatori 13.000 di cui 12.250 paganti per L.234 milioni di incasso, record dello stadio. Calci d'angolo 4-2 (1-3) per il Milan.

Barletta - Attenzione, il Milan cresce, la squadra pian piano viene fuori, non importa se a segnare è Franco Baresi.

Anzi, questo conferma che alternativa alle punte e ai centrocampisti destinati gli inserimenti diventano i difensori. E anche questo è un fatto nuovo nel Milan 1986 1987. L'importante è comunque andare a rete. Dice: giocava contro il Barletta.doppietta di franco baresi Non c'entra. L'efficienza di un complesso si denota anche quando agisce contro i ragazzini.

Il Milan si è espresso con disinvoltura, ha cominciato a realizzare gol, non si deve andare a vedere come e con chi. Si muove con disinvoltura la squadra, scioltezza e autorità, anche se ancora qualcosa là in mezzo non gira.

Ci riferiamo a Donadoni che deve convivere con Wilkins, Evani e Di Bartolomei e bisogna che gli si trovi lo spazio vitale perchè la sua personalità non venga avvilita. La difesa è registata già in forma, Maldini al centro dà garanzie. Conclusione: il Milan si è messo in linea con le altre grandi del campionato.

A Barletta ha segnato in una sola volta più di quanto gli era riuscito nelle altre due gare. Il che è sintomo di miglioramento e dà fiducia al complesso.
Ci sono ancora piccoli nei, posizioni da rivedere, misure da controllare, ma in linea generale ci siamo.

Il campionato come si sa inizia a metà. settembre. Ci siamo capiti. Tanto sole, tifo contenuto. Solo ragazzini in delirio. Vento che sicuramente disturba, però rinfresca il Tavoliere e quindi anche i protagonisti di questa terza fase di coppa..
Formazione confermata: fuori Bonetti, rientra Tassotti. Nel Barletta, per ragioni diverse, mancano alcuni titolari vittime delle squalifiche per il totonero. Stadio stracolmo: 13.000 i presenti per un incasso che si aggira attorno ai 200 milioni. Settantamila costa una poltroncina.

Il Milan, con i suoi campioni, non viene da queste parti tutti i giorni. I dirigenti bisogna anche capirli. La partita inizia con 7 minuti di ritardo. Anche questo bisogna capire. La festa è paesana. Si fa applaudire subito Hateley per una girata al volo che Renzi blocca.

Velocissimo Galderisi: al 4' si inserisce, conclude, ottiene solo un calcio d'angolo. Hateley e Galderisi si scambiano di ruolo, a destra e sinistra, Evani fa di raccordo a sinistra, Donadoni staziona spesso sulla fascia destra, comunque i due si scambiano.
A centrocampo anche Galli e Wilkins in aggiunta a Donadoni e a Evani. Dietro, Maldini al centro è la novità. che dà maggiore solidità al reparto. Tuttavia il suo avversario, Petrucci, all'11' scocca un tiro tremendo diretto nel "sette": Galli è bravo a deviare sul fondo volando.

Quindicesimo: fallo di Ghedin su Donadoni a centrocampo. Batte la punizione Di Bartolomei che tocca per Baresi: terribile proietto, la palla rimbalza prima di giungere a Renzi che viene saltato, batte con la base del montante e schizza dentro: 0 - 1. Al 18' Laraspata segna ma Lanese aveva rilevato un fuorigioco.

Il Milan non insiste limitandosi a controllare la gara e ripassare schemi. Quarantesimo: parte Franco Baresi, va a slalom, giunge a fondocampo, vince un contrasto, fa finta di crossare poi sorprende Renzi tirando direttamente in rete da distanza ravvicinata. A chiusura del tempo Hateley può triplicare ma di testa manda a lato sciupando un'occasione di Galderisi.

Sorpresa: nella ripresa Liedholm manda in campo Manzo al posto di Evani perchè garantisce una buona copertura a centrocampo. Non era necessaria contro il Barletta, ma di questi chiari di luna si gioca soprattutto per essere pronti per il campionato.

Pensavamo che Liedholm facesse ricorso a Virdis che mai l'aveva finora tradito. Evidentemente la squadra, vincendo già 2-0, non ha bisogno di altri frombolieri per questa volta. Al 62' va in gol anche Galderisi su punizione anche se con la collaborazione di Renzi, il quale uscito dai pali in anticipo, gli ha spalancato la porta per il pallonetto.
Al 66' entra finalmente Virdis ed esce Hateley che per la verità ha fatto ben poco. Sprazzi di bel gioco dei rossoneri, la cui manovra scorre facile, e quindi diventa un piccolo spettacolo.

Al 78', Galli dice di no a una palla di Borrelli destinata sotto la traversa.

Franco Mentana
Gazzetta dello Sport

 





doppietta franco baresi

Forse potrebbe interessarti anche:

SPECIAL BARESI FESTA ADDIO A FRANCO BARESI
Video trasmissione Special Franco Baresi in studio conduce Giorgio Micheletti anteprima della trasmissione Testimonial Game dedicata alla partita d'addio al calcio di Franco Baresi allo stadio Meazza di Milano 28 ottobre 1997
TESTIMONIAL GAME BARESI 1997
Testimonial Game Baresi 1997 Sei per sempre Testimonial Game trasmissione condotta in studio da Giorgio Micheletti dedicata alla festa d'addio al calcio a Franco Baresi a San Siro Milano 28 ottobre 1997
AL RIGORE DI BARESI QUEL BOATO DIVENTA UN SUSSURRO
primo rigore per franco baresi a bari il 20 febbraio 1982 il pubblico si zittisce come a dare la possibilit├á a baresi di concentrarsi ed ├Ę goal
QUELLA MATTINA A TRAVAGLIATO
franco e beppe baresi dal primo derby a oggi modi di essere, nils liedholm fa debuttare baresi, gianni rivera che lo convince a farlo debuttare oggi festeggia i diciassette anni

Ultime aggiornate

Sito ufficiale del conduttore e giornalista sportivo Giorgio Micheletti
PALERMO NAPOLI? NON PREVEDO GROSSE DIFFICOLTA' PER AZZURRI
NAPOLI RESTA FAVORITO PER IL SECONDO POSTO