Utilizzo dei Cookie

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner,
scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformitá alla nostra Cookie Policy.


Ultime visitate

tacchetti e fischietti 2016
PLATINUM CALCIO SHOW 10 11 2014 4 PARTE
VA IN SCENA IL CALCIO A TELELOMBARDIA
GIORGIO E TELELOMBARDIA 1993

COPPA ITALIA RIACCENDE UNA VECCHIA RIVALITA'
MILAN YUVE PER UN GIORNO
1/9/1982

Il capitano è fra i rossoneri quello che ha più nostalgia del passato:"Per una sera rivivrò il clima delle grandi sfide. Firmerei a occhi chiusi per un pareggio. Se ci comportiamo bene, significa che siamo davvero in grado di tornare subito in serie A, perchè non c'è test più attendibile della Juventus. Scirea? Aspetto che vada in pensione per sostituirlo in azzurro." 

Milanello - C'era un'aria strana ieri a Milanello e non perchè sembrava di essere già in novembre, anzichè fine agosto per quella pioggia fastidiosa, sotto un'impressionante cappa grigia. C'era un'aria strana perchè alla vigilia dello scontro "impossibile" coi colleghi della Juve, i giocatori del Milan, con Castagner e Farina in testa, davano l'impressione di meditare il grande colpo.
Una sensazione difficile da descrivere, che ci ha fatto venire in mente le vigilie di Italia Argentina e di Italia Brasile, a Barcellona.coppa italia 1982

Anche ieri come allora, nessuno all'esterno credeva nella squadra sfavorita, con la differenza che stavolta parlavano tutti. Parlava Canuti per dire che, dovendo scegliere l'uomo della Juve da marcare, punterebbe ad occhi chiusi su... Trapattoni.

Parlava Tassotti per dire che non si sparerebbe se sapesse da Castagner di dover controllare Rossi. Parlava Verza, ex Juventino, per dire che l'ultima volta che ha affrontato da avversario i bianconeri a Torino ha segnato un gol, mentre il Cesena ne portava a casa sei.

Ma soprattutto parlava Franco Baresi, il nuovo leader, con la sua fresca fascia di capitano al braccio.
Golf giallo appoggiato sulla spalla sinistra, tutto compreso nella parte, il libero milanista ricordava l'atmosfera del mundial. Non giocò mai, ma in quei lunghi giorni spagnoli c'era anche lui a dividere i lunghi silenzi prima del trionfo.

"Quando entrerò in campo a Torino - ha spiegato Baresi - per un attimo mi sembrerà di tornare indietro ai mondiali. Ho vissuto quaranta giorni con Rossi, Tardelli, Gentile, Zoff, Cabrini e Scirea ed è stata un'esperienza irripetibile, che si ricorda per tutta la vita.
Per lui sarebbe potuta essere un'esperienza ancora più bella, se davanti non avesse avuto del mostro di regolarità che si chiama Scirea.

"Cosa posso farci? - si è interrogato Baresi -. Finchè c'è lui, io sono chiuso, perchè non mi interessa giocare come mediano. Aspetto che Scirea vada in pensione. Meglio se ci sarà un pre-pensionamento visto che negli ultimi tempi va di moda.
Scherzi a parte, Scirea è grande, perchè va all'attacco anche senza palla, così sa essere pronto al momento giusto per segnare. Ecco perchè va in gol più di me."

Stasera si saluteranno a fine partita, per dirsi addio, e non arrivederci, perchè le loro strade quest'anno saranno diverse. "Ma almeno per un giorno - ha fatto notare Baresi con evidente punta di malinconia - mi dimenticherò di essere di nuovo in serie B.

Rivivrò il clima delle grandi sfide della A e soltanto alla fine mi accorgerò che si è trattato di una parentesi e basta. Anche per questo, mi auguro di viverla nel miglior modo possibile. Pochi mesi fa, quando lottavamo per non retrocedere, a Torino fummo battuti negli ultimi minuti e i bianconeri poi ci fecero persino i complimenti.

Adesso vorrei essere io a fare i complimenti a loro, con i due punti in tasca però, anche in partenza firmerei ad occhi chiusi per l'1 -1, che già mi sembra un sogno.
Tra l'altro, se ci comportiamo bene, vuol dire davvero che siamo in grado di tornare subito in A, perchè la Juve è il test più attendibile cui ci si possa sottoporre."
Così, con tanta nostalgia per il passato, Baresi attende che giunga sera, per tuffarsi nel presente ed augurarsi che presto torni ad essere futuro.

Alberto Cerruti
Gazzetta dello Sport
1/9/1982





Forse potrebbe interessarti anche:

IL CALCIATORE DELL'ANNO: PIOGGIA DI VOTI BARESI
Franco Baresi viene nominato a furor di popolo dopo una valanga di voti migliore giocatore dell'anno scavalcando michel platini
MILAN, RINASCE LA SPERANZA
Genoa Milan 19 aprile 1982 risultato 1 a 2 Baresi segna e porta la squadra alla vittoria un appiglio per non guardare ancora alla serie B
UN SONDAGGIO PER SCEGLIERE I MIGLIORI GIOCATORI DEL CAMPIONATO APPENA CONCLUSO
tecnici e capitani delle sedici squadre di serie a per scegliere i protagonisti della stagione grande protagonista franco baresi al suo primo anno in serie a secondo bigon terzo giordano
SPECIAL BARESI FESTA ADDIO A FRANCO BARESI
Video trasmissione Special Franco Baresi in studio conduce Giorgio Micheletti anteprima della trasmissione Testimonial Game dedicata alla partita d'addio al calcio di Franco Baresi allo stadio Meazza di Milano 28 ottobre 1997

Ultime aggiornate

Sito ufficiale del conduttore e giornalista sportivo Giorgio Micheletti
NATALE E LO SPIRITO DELLE SQUADRE
HIGUAIN NAPOLI YUVE INTRECCIO TRA PASSATO E PRESENTE