Giorgio
Micheletti.it
    Giorgio
Micheletti.it

MENU

X

IL MONDIALE, CHE MONDIALE

Buonasera Giorgio, che Mondiale stai vedendo fino a qui? Nel senso che abbiamo visto risultati sorprendenti o poco attesi se preferisci, ma erano in linea con quello che ti aspettavi cioè le big che all'inizio potevano soffrire?

 20 giugno 2018
 
IL MONDIALE,  CHE MONDIALE 
 
Buonasera Giorgio,
Che Mondiale stai vedendo fino a qui? Nel senso che abbiamo visto risultati sorprendenti o poco attesi se preferisci, ma erano in linea con quello che ti aspettavi cioè le big che all'inizio potevano soffrire?
Prendo il tuo gerundio. Che mondiale sto vedendo? Nessuno.
Perchè per me non essendoci l'italia non c'è il Mondiale.
Mi informo, professionalmente parlando di quella cosa che stanno facendo in Russia, anche se ancora non ho capito cosa sia, visto che i tanto decantati big team fanno fatica a decollare e che fino a questo momento l'unico che ha messo un timbro degno di nota in questa manifestazione è uno che di timbri ne ha già messi più di un passaporto di un profugo che è Cristiano Ronaldo.
Nella norma. I mezzi passi falsi iniziali sono derivati dal fatto che sono i primi e dubito fortemente che la Germania sia questa, l'Argentina sia questa, dubito fortemente che il Portogallo possa andare avanti in questo modo perchè in un torneo un solo giocatore non riesce a portarti se non hai la squadra e Ronaldo non ha proprio attorno nessuno.
E' un mondiale che mi fa aumentare la rabbia ma allo stesso tempo dico meno male.
Dico cavolo, se c'eravamo noi con tutti questi non sfiguravamo certo, al tempo stesso però vedo, non vedo perchè non ho guardato neanche una partita, leggo quello che succede e mi rendo conto che non saremmo andati avanti pochissimo e dico meno male che non ci siamo.
 
Ma non hai neanche un minimo di curiosità, un pò di zapping niente?
 
No, perchè per me lo sport non è affettivamente seguibile, deve esserci un minimo di coinvolgimento emotivo, perchè lo sport è fare il tifo, è ottenere un risultato, è accompagnare quelli che sono i tuoi ad un traguardo. Se devo seguire qualcosa asseticamente vado al cinema, a teatro, vado al circo, faccio altre cose.
Non avendo una seconda squadra perchè ho solo l'Italia non mi interessa
Mercato, ti interessa di più.
Assolutamente.
Pastori alla Roma te l'aspettavi?
No, mi aspettavo questo movimento se fosse rimasto Sabatini che è sempre stato un estimatore e che ha agganci con il mondo di Pastore.
Sono incuriosito dall'arrivo di Pastore alla Roma perchè mi immagino una Roma difranceschiana completamente  diversa da quella che abbiamo visto fin ora perchè faccio uno più uno, Pastore è perfetto per un 4-3-3 con determinati protagonisti che la Roma non ha. Si va con altre cessioni fantasmagoriche della Roma, Nainggolan è pressochè fatta, Allison 60 70 milioni se si muovono i madrileni è difficile resistere.
Dzeko che ci sta a fare con pastore.
Sono curioso di sapere come di Francesco gestirà questa rinascita.
Nainggolan, Spalletti stravedeva per lui, che Nainggolan arriva all'Inter?
Un Nainggolan all'ultimo km perchè è un giocatore che non si è mai risparmiato, perchè ha un ruolo che porta alla consunzione, però è uno di quei giocatori che avendo ancora da spendere è perfetto per l'Inter di ora.
Il mercato dell'inter è un mercato fatto sul momento, non sul futuro, l'Inter ha bisogno di giocatori non in proiezione futura, ma in proiezione immediata, quindi Nainggolan può fare un campionato più che dignitoso, ti serve per l'avventura in Champions perchè è l'unico che ha questo tipo di esperienza, Icardi non ha mai giocato la Champions, credo che non ci sia un giocatore inter che abbia fatto la champions, Nainggolan è l'unico che sa come si sta nell'Europa che conta con il calcio.
Suning ha rifiutato un'offerta di acquisizione dell'Inter ma non perchè non vuole vendere ma perchè non ha ritenuto interessante l'offerta ergo se arrivasse un'offerta interessante potrebbe passare di mano.
 

CONTATTI:

Email: giorgio_micheletti@yahoo.it

TRASPARENZA E PRIVACY:

Cookie Policy

Privacy Policy

SEGUICI SUI SOCIAL:

©  Giorgio Micheletti 2019