Utilizzo dei Cookie

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner,
scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformitá alla nostra Cookie Policy.


Ultime visitate

tacchetti e fischietti 2016
PLATINUM CALCIO SHOW 10 11 2014 4 PARTE
VA IN SCENA IL CALCIO A TELELOMBARDIA
GIORGIO E TELELOMBARDIA 1993

 LA RIVOLTA DEGLI ONESTI

E’ proprio giunto il momento di urlare un allarmatissimo: basta!
Sul calcio sta per abbattersi “una nuvola d’ira”, come direbbe il dimenticato Giovanni Arpino.
Una nuvola che avvolge tutto e tutti, nasconde le magagne, le violenze più orripilanti, offre anfratti, ombre e complicità a coloro che al calcio chiedono tutto e non danno niente.la rivolta degli onesti

Sono preoccupanti non soltanto le violenze che si consumano in campo tra gli stessi giocatori e quelle che si consumano fuori campo tra giocatori, tra gli ultras del tifo, tra faccendieri e operatori più o meno occulti pronti a ricorrere a qualsiasi mezzo pur di spremere miliardi.
Sono preoccupanti ripeto anche l’acquiescenza, la rassegnazione, la complicità quasi con cui troppe persone che pur hanno moltissime responsabilità accettano tuartto e in certo senso lo giustificano.
Gli ultras attaccano la polizia?
Colpa della società ingiusta e corrotta.
I giocatori si picchiano, simulano, tentano colpi proibiti con la chiara intenzione di far male agli avversari?
Fa parte del gioco, il calcio è uno sport per uomini duri, non per signorine.
Gli operatori premono perché il calcio mercato sia aperto tutto l’anno, perché le frontiere vengano abbattute e possano essere importati illimitatamente giocatori di tutte le nazionalità, di tutti i colori?
Va bene così, salvo poi ad alzare alti lai perché le squadre costituite da 15 o 16 stranieri tutti di nazionalità diverse non riescono a far gruppo, non hanno più intesa non sanno più esprimersi secondo concetti e principi tattici omogenei.
Particolarmente preoccupante, insisto, è anche l’incuria, la superficialità con cui una certa parte della critica si rassegna a violenze di ogni tipo.
Dobbiamo essere proprio noi giornalisti per primi a denunciare la violenza, a rivendicare il diritto di frequentare gli stadi senza correre rischi personali e ad imporre a chiunque il dovere di rispettare l’incolumità fisica e la sensibilità umana delle persone perbene che intendono esercitare il diritto di accedere liberamente e felicemente agli stadi insieme alle loro famiglie.
Ci vuole davvero una rivolta degli onesti, il levarsi prepotente di un ruggito dei mansueti.
E bisogna fare appello a tutte le istituzioni del calcio, nazionali e internazionali, e a tutti i dirigenti di buona volontà perché vengano adottate le misure necessarie e sufficienti a combattere la violenza in ogni sua manifestazione.
Ritorniamo allo sport, ai suoi valori, al piacere di stare insieme e di misurarsi lealmente gli uni contro gli altri. Sia benvenuta la tempestività e la severità con cui il giudice sportivo ha accertato e punito il pugno di Montero a Di Biagio, grazie all’utilizzo della prova televisiva.
La Tv è lo strumento che ha reso il calcio ricco a miliardi, popolare ed amato in tutti i paesi ed anche nei luoghi più inaccessibili di ciascun paese.
Adesso il calcio accetti che la TV si nobiliti, trasformandosi nello sceriffo buono che contribuisce a renderlo sempre più corretto, sempre più onesto e leale. Sono ormai anacronistiche, sono d’accordo con Tosatti e con il Corriere della Sera, le capziose limitazioni all’uso della prova televisiva. Se l’occhio delle telecamere scopre i violenti, i violenti siano puniti anche se gli arbitri non hanno visto o hanno sottovalutato la gravità del gesto violento.
Non dimentichino i giocatori, gli allenatori, i dirigenti e i “mammasantissima” delle Leghe, della Federcalcio e del CONI che “i bambini ci guardano” come ammoniva De Sica molti decenni fa.
I bambini ci guardano, ci giudicano, imparano.
E credono di poter diventare uomini duri anche loro, imitando o mutuando gli atteggiamenti più scorretti degli eroi della domenica.
Bisogna che nasca un grande movimento d’opinione per restituire il calcio alla sua dimensione umana e sportiva.
Chi ha animo puro e buona volontà contribuisca a farlo nascere, questo grande movimento d’opinione.

DAVID MESSINA





Forse potrebbe interessarti anche:

CALCIOPOLI 2006
Il calcio è un patrimonio dell'Italia, lo sport più popolare, un fenomeno di rilevanza sociale, che ha unito e diviso gli italiani ma tutti a tifare per la squadra di appartenenza, che ha fatto vendere molte copie di giornali e fatto scrivere delle gesta i giornalisti..
FUORI I MERCANTI DAL CALCIO
fuori i mercanti dal calcio, campagne di trasferimento aperte per lunghi periodi, accordi tra fifa e uefa per disciplinare la materia dei trasferimenti di calciatori che destabilizzano gli spogliatoi...
MOGGIOPOLI
Moggiopoli lo scandalo suscitato delle intercettazioni telefoniche disposte dalla Procura della Repubblica di Napoli, ha coinvolto 9 giornalisti, 7 iscritti all’Ordine Regionale del Lazio e 2 all’Ordine dei Giornalisti di Milano.
STORIA DEL CALCIO - I LEGIONARI DI CESARE
Sappiamo tutti che gli inglesi amano definirsi i maestri del calcio, meglio ancora, gli inventori del football, del gioco cioè che loro chiamano, secondo una traduzione letterale del termine, del "piedepalla". Negli anni trenta, i figli d’Albione, rifiutarono di partecipare alle prime tre edizioni dei campionati ..

Ultime aggiornate

IMPREVEDIBILITA' CONTRO CONCRETEZZA
Sito ufficiale del conduttore e giornalista sportivo Giorgio Micheletti
ANCELOTTI E IL MILAN DI NUOVO INSIEME?