Utilizzo dei Cookie

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner,
scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformitá alla nostra Cookie Policy.


Ultime visitate

CALCIO BATTE GOSSIP 2-0
INTERVISTE A GIORGIO SULLE OLIMPIADI LONDRA 2012
BARESI TEDOFORO A MANHATTAN
GIORGIO PASSIGLIA

 FUORI I MERCANTI DAL CALCIO

Fuori i mercanti dal calcio, scrivevo qualche tempo fa.
fuori i mercanti dal calcio

E aggiungevo che la prima arma efficace per restituire parzialmente il calcio allo sport e ai suoi valori reali era quella di ridurre sensibilmente il periodo di apertura del calcio-mercato.

Le campagne di trasferimento aperte ripetutamente e per lunghi periodi provocavano effetti disastrosi: destabilizzavano gli spogliatoi, consentendo ai giocatori di ricattare gli allenatori; inducevano gli stessi giocatori a nascondere eventuali infortuni per non essere accantonati e sostituiti da nuovi acquisti; toglievano autorità e prestigio agli allenatori; mettevano nelle mani dei procuratori odiosi strumenti di ricatto nei confronti dei presidenti.
Tutte queste motivazioni hanno fatto breccia evidentemente anche a Bruxelles, in sede di Unione Europea.
Tutti i giornali sono oggi ridondanti degli accordi raggiunti dall’UE con la FIFA e l’UEFA per disciplinare la complessa e delicata materia dei trasferimenti dei giocatori.
E questi accordi sanciscono innanzitutto l’obbligo delle varie federazioni e leghe professionistiche europee a ridurre drasticamente i tempi di apertura del calcio mercato.
Le liste di trasferimento dovranno essere aperte soltanto per un periodo relativamente lungo in estate e per un periodo brevissimo in autunno.
Esattamente come avvenuto in Italia per circa 40 anni, prima che i mercanti invadessero il tempio del calcio professionistico e abbattessero ogni limite alla circolazione dei calciatori professionisti.
Ma estremamente importanti, da sottolineare con soddisfazione, sono altri punti degli accordi UE- FIFA- UEFA.
Per esempio, quegli accordi che disciplinano i trasferimenti dei giovani e soprattutto degli Under 18.
I contratti di trasferimento dei giocatori di età inferiore ai 18 anni saranno validi soltanto se i club che acquistano i giovanissimi si impegneranno formalmente a garantire, oltre alla formazione calcistica, anche quella scolastica e sociale.

Una autentica irruzione dell’UE nel magma di quel calcio professionistico che, fatta eccezione per alcune grandi società italiane come le due milanesi e alcune benemerite provinciali come l’Atalanta, il Brescia e il Torino, non ha mai mostrato molta attenzione alla tutela dei giovanissimi e soprattutto di quelli che, dopo aver fallito la vie del calcio professionistico, si sono ritrovati senza arte ne parte. Gli accordi mirano inoltre ad impedire che i prezzi dei trasferimenti dei calciatori sfondino qualunque tetto e raggiungano livelli scandalosi, oltre i 100 miliardi.

Mirano altresì a fare in modo che i contratti di trasferimento abbiano una durata effettiva di un minimo di 2 o 3 anni, prescrivendo dure sanzioni per i giocatori sotto i 28 anni che rescindono contratti quinquennali o quadriennali prima dei 3 anni, e per quei giocatori oltre i 28 anni che rescindono contratti triennali o quadriennali prima dei 2 anni.
Naturalmente, l’abbassamento forzato dei prezzi di trasferimento dei calciatori penalizzano innanzitutto le società medio-piccole che hanno splendidi vivai, come l’Atalanta o il Brescia.
Ma tarpano le ali anche a quei calciatori che hanno fatto dei trasferimenti annuali una fonte incontrollabile di guadagni o al contrario agli altri che mirano a una maggiore tutela del loro rapporto di lavoro con le società di appartenenza. Questo vuol dire che hanno effettivi motivi di protestare sia le associazioni dei calciatori, sia le piccole e medie società professionistiche.
Il ché dovrebbe indurre l’avvocato Campana e i presidenti delle società professionistiche a sedersi attorno ad un unico tavolo ed a cominciare ad a attuare quella politica di cooperazione effettiva che finora è sempre rimasta soltanto sulla carta.
Neppure a Bruxelles l’Associazione Italiana dei Calciatori e la Federazione Europea dei Calciatori sono state invitate a partecipare ai lavori con l’UE, la FIFA e l’UEFA..

Campana da parte sua era già stato escluso dai vari vertici indetti dal Ministero degli Interni con la FIGC per lo studio di un’efficace politica contro la violenza negli stadi, Adesso è stato tenuto ai margini anche se si discuteva di un argomento che coinvolge direttamente e massicciamente i calciatori, il calcio-mercato, la tutela degli atleti. Davvero sconcertante!

DAVID MESSINA





Forse potrebbe interessarti anche:

CIRCOLO DELLA STAMPA 19 OTTOBRE 2016 Milano
circolo della stampa milano 19 ottobre 2016 "La radio sportiva: dalla radiocronaca calcistica al post commento in studio. Da one-to-manya one-to-one Relatori: Giorgio Micheletti, Lapo De Carlo, Filippo Grassia e David Messina
CALCIOPOLI 2006
Il calcio è un patrimonio dell'Italia, lo sport più popolare, un fenomeno di rilevanza sociale, che ha unito e diviso gli italiani ma tutti a tifare per la squadra di appartenenza, che ha fatto vendere molte copie di giornali e fatto scrivere delle gesta i giornalisti..
MOGGIOPOLI
Moggiopoli lo scandalo suscitato delle intercettazioni telefoniche disposte dalla Procura della Repubblica di Napoli, ha coinvolto 9 giornalisti, 7 iscritti all’Ordine Regionale del Lazio e 2 all’Ordine dei Giornalisti di Milano.
STORIA DEL CALCIO - I LEGIONARI DI CESARE
Sappiamo tutti che gli inglesi amano definirsi i maestri del calcio, meglio ancora, gli inventori del football, del gioco cioè che loro chiamano, secondo una traduzione letterale del termine, del "piedepalla". Negli anni trenta, i figli d’Albione, rifiutarono di partecipare alle prime tre edizioni dei campionati ..

Ultime aggiornate

Sito ufficiale del conduttore e giornalista sportivo Giorgio Micheletti
PALERMO NAPOLI? NON PREVEDO GROSSE DIFFICOLTA' PER AZZURRI
NAPOLI RESTA FAVORITO PER IL SECONDO POSTO