Utilizzo dei Cookie

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner,
scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformitá alla nostra Cookie Policy.


Ultime visitate

tacchetti e fischietti 2016
PLATINUM CALCIO SHOW 10 11 2014 4 PARTE
VA IN SCENA IL CALCIO A TELELOMBARDIA
GIORGIO E TELELOMBARDIA 1993
 TROPPE 20 SQUADRE!
16/5/2013

Non prendetemi per pazzo se parto dalla considerazione che la vittoria spagnola dell'Europa League sancisce che: 20 squadre nella Serie A italiana sono troppe.editoriale del 16 5 2014

Mi è stata suggerita da un ottimo, come sempre, articolo di Fabio Monti sul Corriere della Sera.
Per capire il perché però della mia affermazione bisogna prima fare un po’ di storia: 20 squadre nella massima serie italiana risalgono a una decina di anni fa, quando ci fu il pateracchio del Catania che, prima retrocesso, e poi ripescato, fece diventare dispari la massima serie.

L’anno dopo ecco l’innalzamento a 20 squadre ma, come si dichiarò allora, solo provvisoriamente. Poi, come sempre accade in Italia, il provvisorio diventa definitivo e da allora da questo numero non ci siamo più mossi.
La Lega Calcio, nel frattempo, non si è accorta (o non ha voluto accorgersi) di quanto difficoltoso fosse portare avanti questo circo, preoccupandosi solo di gonfiare la richiesta di denaro verso le tv portando come una delle spiegazioni l’alto numero di partite che potevano essere proposte agli utenti.
Ebbene, a gioco lungo, il risultato è questo, per ricollegarsi all’affermazione di inizio testo: in Europa siamo scesi di una unità numerica come squadre rappresentanti ma, soprattutto, se si eccettua l’Inter di Mourinho, siamo caduti verticalmente come protagonismo.
E questo in relazione alla sempre minore competitività del nostro campionato provocata dalla base troppo larga e inevitabilmente inadatta a competere con le ‘major’, che a loro volta perdono l’abitudine allo scontro e quando vanno a confrontarsi con pari livello straneri perdono inevitabilmente.
Basta guardare all’Europa di quest’anno: in Germania il Bayern ha vinto con mesi di anticipo il campionato e in coppa è rovinosamente caduto con polemiche conseguenti su Guardiola; il Psg ha vinto anche lui presto e anche lui presto è uscito; della Juve credo che non sia il caso di ricordare visto che è sotto gli occhi di tutti.

In Inghilterra, invece, il titolo è stato assegnato da una settimana e, in Europa, Chelsea e Manchester sono andati avanti, mentre in Spagna addirittura la lotta per il titolo è ancora aperta e, guarda caso, il Siviglia ha vinto l'Europa League e due madrilene sono finaliste di Champions. Un caso?





Forse potrebbe interessarti anche:

ZONA MICHELETTI: IL RISULTATO NON E' IMPORTANTE E' TUTTO
In questo editoriale Giorgio Micheletti analizza il momento di alcune squadre di serie A Milan, Yuventus, Inter, Napoli, Roma Fiorentina e le due sponde genovesi di Genoa e Sampdoria ed i loro rispettivi allenatori ma una cosa unisce tutti: il risultato non è importante è tutto
LA REGOLA DEL DUE
Questa settimana vige la regola del due: storie di due protagonisti, due reti due squadre due destini. Due come la doppietta di Vidal..

Ultime aggiornate

Sito ufficiale del conduttore e giornalista sportivo Giorgio Micheletti
NATALE E LO SPIRITO DELLE SQUADRE
HIGUAIN NAPOLI YUVE INTRECCIO TRA PASSATO E PRESENTE